in-slide-1.jpg

Lo stile RF (Codice Etico)

Il Rugby Falconara Dinamis ASD ha, sin dall’inizio della propria attività, sentito l’esigenza di coniugare la pratica sportiva alla promozione degli aspetti valoriali ad essa connessi creando una comunità di sportivi leali, disponibili a mettersi in relazione con gli altri e darsi sostegno reciproco, attitudine questa connaturata al gioco del rugby.

L’Assemblea dei Soci nel Luglio 2012 ha approvato l’adozione del “Codice Etico del Ruby Falconara”; regole di comportamento ispirate ai principi etici e morali che costituiscono il DNA dello sport del rugby ed al rispetto delle quali atleti, tecnici, dirigenti e simpatizzanti dell’ASD sono chiamati.

Nel Novembre 2014 la stessa assemblea dei soci ha ribadito la duplice “mission” sportivo-educativa dell’ASD chiedendo al Consiglio Direttivo di orientare le scelte societarie al conseguimento di entrambi gli obbiettivi.

Codice di Comportamento generale

Il FALCONARA RUGBY ASD vuole essere scuola di sport e di vita, con lo scopo di educare e formare i ragazzi con lo spirito e i valori del rugby che sono:

Lealtà, Rispetto delle regole e degli avversari, Correttezza, Coraggio.

Nello svolgimento della sua attività il FALCONARA RUGBY ASD adotta un Codice Etico che si  basa sulla Carta dei Diritti del bambini nello Sport (UNESCO – Geneve, 1992), che dispone:

  • Diritto di divertirsi
  • Diritto di fare sport
  • Diritto di beneficiare di un ambiente sano
  • Diritto di essere trattato con dignità
  • Diritto di essere allenato e circondato da persone qualificate
  • Diritto di seguire allenamenti adeguati ai propri ritmi
  • Diritto di misurarsi con giovani che abbiano la stessa probabilità di successo
  • Diritto di partecipare a gare adeguate
  • Diritto di praticare il suo sport nella massima sicurezza
  • Diritto di avere tempi di riposo
  • Diritto di non essere un campione

al quale dirigenti, tecnici, genitori, atleti sono tenuti ad adeguare la propria azione ed accettare le conseguenze dovute al mancato rispetto di questo codice di comportamento

Codice di Comportamento per dirigenti e collaboratori

  • All’interno del club, contribuisci a creare una cultura improntata sul fair play, la correttezza, il rispetto degli avversari e lo spirito di squadra
  • Il tuo principale obiettivo è di creare un ambiente sicuro, accogliente e divertente per l’esercizio del rugby e di tutte le attività connesse
  • Sii disponibile ad ascoltare tutte le necessità di giocatori e genitori e fai di tutto per risolverle
  • Fai in modo che lo spirito di squadra si manifesti anche fuori dal campo, ad esempio nei terzi tempi e durante le trasferte
  • Non criticare gli arbitri, sii collaborativo con loro e riconoscine l’impegno
  • Non sostituirti mai all’allenatore e controlla le tue azioni dentro e fuori dal campo
  • Rispetta gli orari e gli impegni e pretendi dai giocatori un comportamento simile

Codice di comportamento per allenatori

  • Sii ben consapevole del potere che hai come allenatore nei confronti dei tuoi giocatori ed evita qualsiasi comportamento inadeguato e discriminatorio nei loro confronti. Dai a tutti i giocatori la possibilità di giocare, indipendentemente dalle loro capacità tecniche.
  • Utilizza un linguaggio accettabile, confidenziale e rispettoso e pretendi lo stesso comportamento dai tuoi giocatori. Insisti sul fair play e la disciplina.
  • Incoraggia i giocatori a rispettarsi l’un l’altro e pretendi il rispetto per il loro valore come individui, indipendentemente dal loro livello di gioco.
  • Sviluppa nella squadra il rispetto verso gli avversari, stimola l’aggressività positiva ma non tollerare il gioco violento, la rissa o il linguaggio volgare. Non tollerare simulazioni o atteggiamenti poco leali. Sii pronto ad allontanare dal campo un giocatore che commette queste infrazioni.
  • Sviluppa nella squadra il rispetto verso gli arbitri: sii il primo a non discutere mai con loro, ad essere collaborativo e a riconoscerne l’impegno. Accetta le sue decisioni, ringrazialo a fine gara e, se ha preso delle decisioni che richiedono un chiarimento, discutine lontano dai giocatori.
  • Sii generoso con le lodi quando sono meritate. Evidenzia e incoraggia le azioni e i comportamenti positivi dei tuoi giocatori. Non sgridare e non deridere i giocatori perché hanno fatto degli errori o hanno perso una partita.
  • Sii ragionevole nel richiedere ai giocatori tempo, energia ed entusiasmo, assicurandoti che i compiti e/o gli allenamenti siano adatti all’età, all’esperienza, alle capacità e alle condizioni fisiche e psicologiche dei giocatori. I giovani giocatori giocano per il piacere e per il divertimento – vincere non è il solo obiettivo – perciò poni degli obiettivi realistici alla squadra e ai singoli giocatori.

Codice di comportamento per genitori

  • Lascia che i giocatori giochino il loro gioco non è il tuo gioco
  • Sii un buon sportivo; tifa per la tua squadra, non tifare contro gli avversari; apprezza le buone giocate indipendentemente dal fatto che le abbiano realizzate la tua squadra o i loro avversari.
  • Apprezza gli sforzi e le prestazioni non i risultati. Ricorda: gli errori fanno parte del processo di apprendimento.
  • Insegna a tuo figlio il rispetto degli orari e degli impegni assunti nei confronti della squadra.
  • Educa tuo figlio al rispetto per l’allenatore: sii il primo a non interferire nelle sue scelte e a non criticarle.
  • Insegna a tuo figlio lo spirito di squadra: il compagno che sbaglia va sostenuto e non rimproverato o messo in ridicolo.
  • Rispetta le decisioni degli arbitri e insegna a tuo figlio a fare lo stesso.
  • Utilizza un linguaggio corretto.

Codice di Comportamento per i giocatori

  • Gioca per divertirti; vincere o perdere fanno parte dello sport: vinci con umiltà e perdi con dignità. Non cercare la vittoria a tutti i costi; spesso si impara più da una sconfitta.
  • Il rugby non è uno sport violento. Gioca con grinta e determinazione ma con correttezza, rispettando le regole, gli avversari, i tuoi allenatori e i tuoi compagni.
  • Sii un buon sportivo: apprezza le buone giocate indipendentemente dal fatto che le abbiano realizzate la tua squadra o i tuoi avversari.
  • Controlla le tue reazioni in qualsiasi momento, utilizza un linguaggio rispettoso.
  • Metti nello studio e nel lavoro lo stesso impegno e determinazione che metti sul campo. Un buon giocatore di rugby conosce l’importanza di una buona preparazione in tutti i campi della propria vita.
  • Fai il possibile per partecipare a tutti gli allenamenti e a tutte le partite e per rispettarne gli orari. Avvisa per tempo ogni volta l’allenatore se non puoi essere presente alle partite o agli allenamenti.
  • Ricordati che tutti sono importanti in una squadra, i bravi e i meno bravi; rispetta tutti i compagni, indipendentemente dalle loro qualità tecniche.
  • Non discutere mai con gli arbitri, sii collaborativo con loro e riconoscine l’impegno, indipendentemente dal fatto che siano a tuo favore o meno.
  • Contribuisci a mantenere puliti gli spogliatoi, abbi cura dell’attrezzatura e aiuta la società nell’allestimento del campo prima e dopo la partita. Anche questo significa far parte di una squadra.

Codice di comportamento per spettatori

  • Tifa per la tua squadra; non tifare contro gli avversari.
  • Non disturbare in occasione di trasformazioni e calci piazzati.
  • Apprezza gli sforzi e le prestazioni, non i risultati.
  • Sii un buono sportivo: apprezza le buone giocate indipendentemente dal fatto che le abbiano realizzate la tua squadra o il tuo avversario.
  • Rispetta le decisioni degli arbitri e invita gli altri a fare lo stesso.
  • Non mettere in ridicolo o rimproverare un giocatore che commette un errore.
  • Utilizza un linguaggio corretto.

CONTROLLI E PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

  • La dirigenza del FALCONARA RUGBY ASD si impegna a far rispettare il presente Codice Etico ad ogni suo rappresentante e chiede di fare altrettanto a giocatori e genitori. Chiunque venga a conoscenza di comportamenti contrari al presente Codice Etico è invitato a parlarne con un Dirigente, all’Allenatore della società.
  • Una apposita Commissione Disciplinare (composta da presidente/vice presidente, capitano/vice capitano seniores e un allenatore) valuterà ogni singolo caso portato a sua conoscenza, sia esso relativo a giocatori, genitori, allenatori e dirigenti, e deciderà il provvedimento disciplinare più adeguato, dal semplice richiamo verbale, alla comunicazione scritta, sino all’allontanamento nei casi più gravi.