in-slide-3.jpg

Il Progetto Tecnico

Per il suo decimo anno di attività, il Rugby Falconara ha considerato opportuno fermarsi a guardare quanto si era fatto in passato e riflettere per progettare il futuro.

Dall’epoca della fondazione del club, il primo obiettivo societario è stato quello di costituire la squadra Seniores per creare le basi, subito dopo il Minirugby. Questo è un punto fermo del club, formare i bambini al nostro sport fin da piccoli, per avere col tempo ragazzi con conoscenze e capacità rugbistiche.
La propaganda per far conoscere il rugby nel nostro territorio è stata continua: si è lavorato nelle scuole di Falconara Marittima, Chiaravalle, alcune volte a Montemarciano e Monte San Vito; nel 2015 ci siamo allargati anche ad Agugliano, Polverigi e Camerata Picena. Purtroppo non siamo mai riusciti a fare il Progetto Scuola federale, ma soltanto degli incontri di conoscenza con delle feste nel nostro campo. Sarà un obiettivo dei prossimi anni.
Ogni anno abbiamo creato delle iniziative (feste, incontri, convegni), che hanno portato molti bambini e ragazzi ad iniziare a giocare.

La prima squadra ha fornito animatori che con il supporto di tecnici con esperienza, hanno portato il settore giovanile ad ampliarsi fino a coprire dall’anno 2014/15 tutte le categorie
Under. Bisogna sottolineare che importante è stata anche la collaborazione con le società contigue, che alcune volte ci hanno aiutato a completare le nostre squadre.

A partire dall’esperienza acquisita negli anni, alcune persone che hanno lavorato come tecnici e dirigenti si sono incontrate e confrontate per preparare le linee guida da seguire nei prossimi anni. Queste idee, confluite nel Progetto Tecnico, sono passate al vaglio dell’Assemblea dei Soci, e sono ora la base su cui lavorare per dare a tutti quelli che si impegnano nel club una strada comune da percorrere; allo stesso tempo, esse possono fornire del materiale per riflettere, che negli anni può essere migliorato.
Avere un progetto definito ci permette inoltre di poter fare delle analisi con intervalli regolari per verificare il lavoro svolto.

Da questa esperienza decennale il Progetto Tecnico punta ai seguenti obiettivi:
• far crescere i bambini del Minirugby soprattutto dal punto di vista psicomotorio con l’aiuto di tecnici con competenze specifiche;
• nelle giovanili, dare ai ragazzi capacità tecniche polivalenti che li rendano capaci di comprendere le situazioni di gioco e risolverle nel migliore dei modi;
• nella Seniores, far giungere dal settore giovanile ragazzi già pronti a seguire le indicazioni del tecnico.

Dal 2015, il Progetto Tecnico, assieme al Codice Etico, è alla base della relazione di lavoro tra il club e le persone selezionate per far parte del Settore Tecnico (educatori, allenatori, preparatori atletici e direttori sportivi), indicando gli obiettivi generali e specifici da perseguire nel corso della Stagione Sportiva e coordinandone l’azione educativa e formativa nei confronti dei giovani atleti.

Il Coordinatore del Progetto Tecnico è Alessandro Burattini.