Sono 15 i ragazzi Falconaresi che partecipano alla trasferta di Ascoli nella quale si registra l'esordio dell'ultimo arrivato nel gruppo Alex Angeletti.
In corrispondenza dell'entrata in campo per il riscaldamento dal cielo comincia a scendere una leggera pioggia che si trasforma poi in un mezzo diluvio mettendo a dura prova l'equilibrio degli atleti e la giocabilità del pallone.
Nel primo tempo si evidenzia la voglia di combattere da parte di entrambe le squadre con una leggera superiorità da parte di Falconara che riesce ad andare in meta per 3 volte.
Il secondo tempo fa registrare una crescita di possesso palla da parte del Falconara che riesce a segnare altre numerose marcature mentre i ragazzi Ascolani continuano comunque a battersi fieramente.
Man(Owl) of the match: GALATELLO

In campo:ROSSI, BORDONI, CAMONI, SABBATINI, MUZI, TATARANNI, KALAJA(c), GALATELLO, CORINALDESI, BORODENKO, NISI, PACENTI, PANTALONI

In panchina:ANGELETTI, AMORI
All.:BIANCONI-SCARFATO

Mete: 3 BORODENKO, 2 SABBATINI - CAMONI, 1 TATARANNI - BORDONI
Trasf.: MUZI 7/9

18/02/2017

Sono scesi in campo: Amori, Bordoni, Borodenko, Sabbatini, Muzi, Verde, Kalaja (Cap), Galatello, Corinaldesi, Rossi, Nisi, Tataranni, Pacenti , Camoni, , Pantaoni.
Allenatori: Giacomo Bianconi, Giovanni Scarfato, Ahmed Haj Ayed.
Anticipo del Sabato per i ragazzi dell'Under 14 che hanno incontrato i pari età di Jesi , cui si sono aggregati nel raggruppamento anche i ragazzi di Fano e Valmetauto, trasformando in triangolare il raggruppamento. Nella prima tirata sfida con Jesi i ragazzi falconaresi hanno sfoderato una gagliarda prestazione che gli ha permesso di tenera a bada gli avversari jesini, sempre ben determinati nel rendere la vita difficile agli avversari. Punteggio finale 22-5.
Nel secondo incontro, svolto in notturna e con una rigida temperatura, i ragazzi hanno macinato gioco con ordine e disciplina, mettendo a frutto la pressione difensiva con predominio territoriale e diverse marcature. Risultato finale 34-12
Nei due incontri sono andati in meta Galatello, Sabbatini, Borodenko, Verde, Amori, Muzi, TRasformazioni Verde, Muzi.
Owl of the Week: Verde
Fotografi: Emy Centomani, Jack Gambelli

Ferdinando

Il primo febbraio è stato un giorno molto particolare, è cominciato un progetto, presso l'oratorio del Rosario di Falconara Marittima, un'attività decisa insieme al consiglio direttivo, di cui faccio parte, su suggerimento del Presidente del nostro club Manero.
Quando mi è stata fatta questa richiesta ero un po’ disorientato, io Canetoro pilone della senior dal carattere un po’ particolare, sarei stato in grado di portare avanti un impegno simile?
Ammetto di essere stato spaventato dalla situazione, per me nuovissima, però mi sono detto “Amo questo club e farei di tutto per farlo crescere”.
Messe alle spalle tutte le incertezze ho cominciato a buttare giù delle idee insieme ai due nostri tecnici Ivan Brunelli e Francesco "Frizzo" Fabbrizzi esperti educatori del minirugby.
Successivamente parlando con Manero, che collabora già da un po’ a questo progetto, ho scoperto che i ragazzini che partecipavano all'iniziativa erano in gran parte stranieri e che la lingua poteva essere un problema.
Allora mi è venuta in mente un'idea:
perché non coinvolgere i nostri ragazzi della senior più giovani, tra di loro ci sono alcuni ragazzi, di paesi diversi, che avrebbero potuto dare una mano al progetto.
Come si fa oggi ho creato un gruppo su whatsapp aggiungendo i nomi dei giocatori che secondo me avrebbero potuto accettare ed affrontare l'impegno.
Ci siamo incontrati direttamente in oratorio, il primo giorno eravamo io, Andrea (Team Manager assieme a me della squadra senior), Zied, Kolon ed Emanuele, giovani leve e promesse del rugby falconarese. Eravamo tutti piuttosto confusi dalla situazione non sapendo cosa ci avrebbe aspettato.
Inizialmente gli iscritti erano solo 5, quindi abbiamo cominciato dalle basi, qualcosa di semplice che tutti potevano comprendere.
Passaggio, corsa con la palla e schiacciata in meta, avanzamento in linea ed altre cose che costituiscono le basi del gioco.
Nel frattempo gli altri ragazzini, incuriositi da questi uomini/ragazzi "enormi" con una strana palla, iniziavano ad avvicinarsi, alcuni ci chiedevano di provare, altri solo di poter guardare.
Poi abbiamo deciso, tutti insieme, di far provare a questi ragazzini una cosa che facciamo sempre in allenamento: l’ascensore per la touche, il gesto che si fa quando si rimette in gioco la palla dalla linea laterale (la touche appunto) e consiste nel sollevare un compagno di squadra per permettergli di prendere la palla più in alto degli avversari.
Cominciamo a sollevare questi ragazzini e lì succede la magia, tutti quei bambini spaventati che ci guardavano come d'incanto volevano volare.
Dai cinque iniziali eravamo diventati quasi 30!
Squadre miste bambine/bambini, tanta confusione, ma anche tanta passione e divertimento.
Dopo circa un'ora e mezza finiamo la nostra prima giornata stanchi, ma con un sorriso ed una sensazione di gioia che era da tanto tempo che non vedevo.
Insomma ci eravamo divertiti anche noi, chi se lo aspettava!
Nella seconda lezione si aggiungeva a noi Luca.
Arriviamo all'oratorio e notiamo, con nostro sommo piacere, che c'era un'orda di bambini che ci aspettavano trepidanti!
Erano ancora più del primo giorno!
Cominciamo le attività, sulla falsa riga della prima giornata.
Mentre facevamo dei passaggi di riscaldamento, praticamente tutti i bambini, ci chiedevano a gran voce di volare!
Gli rispondo che avremmo fatto ancora due tre esercizi e li avremmo accontentati.
Rifacciamo la touche e di nuovo la magia, vedere tanti bambini in fila indiana aspettare il loro turno è stato qualcosa di spettacolare!
Decidiamo di farli giocare a tag-rugby, una variante semplificata e senza contatto del nostro amato gioco e con nostro sommo stupore non ci bastavano le cinture con gli strappi. Abbiamo dovuto fare le sostituzioni per farli giocare tutti.
Fischiamo la fine della partitella di tag-rugby ma i bambini non ne volevano sapere di smettere, rimettiamo apposto il materiale, guardo gli altri allenatori e gli dico:
ci serve più materiale!
Chi lo poteva immaginare!
Voglio ringraziare i miei compagni d'avventura, ragazzi giovani e meno giovani. Spesso da più anziano del gruppo li metto in riga, delle volte anche in maniera energica, ma cerco di farlo per il loro bene, spesso mi fanno arrabbiare, ma sono giovani ed io alla loro età ero ben più vivace e ribelle. Sono fiero di loro, anche se continuerò a metterli in riga come sempre; per me questi ragazzi sono come i trequarti della nostra squadra di rugby, noi della mischia li prendiamo in giro, li bistrattiamo, ma guai a chi ce li tocca!
In ultimo vi comunico che visto il successo dell'iniziativa abbiamo deciso di allargare il progetto ad altri oratori.
Vi terremo informati!

Alessandro "Canetoro" Contini

12/02/2017 

Sono scesi in campo: Amori, Rossi, Camoni, Sabbatini, Muzi, Verde, Kalaja (Cap), Galatello, Gambelli, Nisi, Pacenti, Corinaldesi, Bordoni, Borriello.

Allenatori: Giacomo Bianconi, Giovanni Scarfato, Ahmed Haj Ayed.

I ragazzi della Under 14 sono tornati oggi ad incontrare i pari età di Ancona sul loro campo. I giovani Falconaresi hanno affrontato gli avversari con impegno e dedizione, mostrando notevoli progressi sia nella fase difensiva che d'attacco. La partita è stata molto combattuta ed equilibrata, al di la di quanto sia espresso dal risultato finale. Si sono viste belle azioni corali, spesso finalizzate in meta da assoli vincenti. Le mete sono state messe a segno da Galatello, Amori, Sabbatini, trasformate da Muzi e Verde.

Migliore in campo - Owl of the Week : Ettore Sabbatini.

Ferdinando

L’Aquila, 29 Gen 2017

La salita al Gran Sasso in pullman comincia con un saluto ai ragazzi di Teramo e prosegue con i tetti del teramano ricoperti di neve, la discesa nel'’Aquilano continua con i segni ancora molto visibili del terremoto del 2009 e finisce con un campo di gioco in perfetta forma eccetto l’angolo in ombra con 20 cm.di neve dura che i ragazzi Verde-Nero hanno spalato prima della partita lungo le linee di meta e laterale. Il cielo terso, la temperatura gradevole e un gruppo di uomini e donne innamorati del Rugby ci hanno fatto trascorrere una bella domenica di Sport.

I Granchi della sacra fanga che sono saliti in montagna (Poggio Picenze, 756 m s.l.m.) sapevano di incontrare una squadra esperta e si sono preparati per questo ma nonostante ciò gli avanti Aquilani fin da subito hanno ci fatto sentire in campo il loro peso di massa ma soprattutto di esperienza; sapevamo anche di avere molto da spendere in termini di superiorità atletica dovuta alla giovane età dei nostri ragazzi e ora siamo sempre più consapevoli dei possibili margini di miglioramento del gruppo U18-Seniores nel suo complesso.

Grazie al buon lavoro dei nostri avanti che nel secondo tempo hanno tenuto testa alle Vecchie Fiamme e ad un Kolon in miglioramento che ha giocato con il 9 sulle spalle per l’intera partita, per la prima volta portiamo a casa 5 punti; non per demerito degli avversari ma per merito di questo gruppo che, nonostante non si senta soddisfatto della partita nel suo complesso, ha fortemente voluto questo risultato.

Graditissimo il rientro provvisorio di Noce e Mazze che sono stati schierati da mister Montesi negli ultimi minuti della partita.

Il DT Contini (noto ai più come Canetoro) ha dichiarato: “la partita non mi è piaciuta, il campionato è ancora lungo, voglio vedere la squadra nelle prossime 3 settimane di fermo Campionato per le 6 Nazioni, se restiamo uniti e convinti continueremo nella crescita e arriveremo preparati a fine torneo".

Un caloroso saluto alle Vecchie Fiamme Old Rugby ed un “in bocca al lupo (….e ne hanno per davvero nelle loro terre!)” per il primo campionato del loro Club appena nato e un “forza ragazzi” per le difficoltà incontrate fino ad oggi. Un grazie e a Fabrizio, Zied e Ion che ci hanno fatto compagnia, ai nostri tifosi Aquilani sugli spalti.

Campionato Regionale Serie C poule 2 Comitato Abruzzo

Vecchie Fiamme Old Rugby Asd vs Rugby Falconara Dinamis Asd: 5-26 (mete 1-4) (punti class. 0-5)

Metaman: Simonetti (Gabro, 1T), Hajayed (1T), Bianconi (Jack - 2T), Verde (2T)

Trasformazioni: Bianconi 3 su 4.

In campo: 15 Palpacelli Davide, 14 Coppari Mattia, 13 Mastri Simone, 12 Verde Giacomo, 11 Hajayed Ahmed, 10 Bianconi Giacomo (kap), 9 Nath Kolon, 8 Marziani Erik, 7 Re Emanuele, 6 Simonetti Gabriele (VKap), 5 Filipponi Francesco, 4 Calusio Luca, 3 Fratoni Andrea, 2 Petrelli Steven, 1 Filippetti Giacomo

A disposizione: Refi Roberto, Mazzedda Andrea, Fiocchi Roberto (dal 10’ in campo), Bramucci Lorenzo, Ferretti Daniele.

Manero

22/01/2017

Sono scesi in campo: Amori, Muzi, Camoni, Sabbatini, Bordoni, Verde, Kalaja (Cap), Gambelli, Corinaldesi, Borodenko, Pacenti, Tataranni, Nisi, Rossi, Marineac.
Allenatori: Giacomo Bianconi, Giovanni Scarfato.

Prima trasferta dell'anno in terra Picena per la nostra Under 14, che ha affrontato i pari età di Ascoli e della Legio Picena. Nel primo match contro la Legio Picena, i nostri ragazzi hanno ordinatamente affrontato gli avversari, lasciando inizialmente loro l'iniziativa, per poi andare in meta con Amori e Sabbatini nella prima metà dell'incontro. Nel secondo tempo i nostri hanno preso in mano la situazione, mettendo al sicuro il punteggio con altre due marcature di Borodenko e Muzi. Tutte le mete sono state trasformate da Muzi.

Nel secondo incontro contro Ascoli l'arbitro ha avuto un gran da fare per placare il gioco irruento delle due compagini. Falconara ha marcato nella prima frazione con Tataranni e Borodenko, mentre nella seconda frazione sono andati in meta con Gambelli e Muzi, che ha anche trasformato due delle quattro marcature.


Man of the Match Yuri Nisi, che ha indossato il cimiero che contraddistinguerà d'ora in avanti il migliore in campo. Un sentito ringraziamento anche ad Amedeo che ha contribuito concretizzare questa bella giornata.

Ferdinando

22-01-2017

Nell'anticipo di campionato Under 16 abbiamo giocato una bella partita contro Jesi perdendo di soli 5 punti. Una partita molto corretta e ben giocata, che ci ha quasi fatto sperare di vincerla e che è finita con un abbraccio globale tra i giocatori. Mete di Leo Bordoni, Emiliano Centomani e Mario Del Buono e due trasformazioni di Leo Fagioli.

Formazione: 1. Patrascu, 2. Giacona, 3. Alfonsi, 4. Albanesi, 5. Bordoni, 6. Centomani, 7. Marinelli, 8. Ariola, 9. Della Lunga, 10. Fagioli, 11. Astolfi, 12. Del Buono, 13. Virgi, 14. Giampaoli, 15. Cecchini.

In panchina Zezza, Aliev, Speranzini.

Lea

C’erano tutti e tre gli ingredienti di una epica giornata di rugby sabato 14 Gennaio al raggruppamento di minirugby UNDER 12 di Fano:
allegria, tanta voglia di giocare e molto, molto, (ho già detto molto?) fango.
Lo spirito con cui i ragazzi del Rugby Falconara entravano in campo era già chiaro al momento del riconoscimento arbitrale quando Giamma chiosava “ahah Mandolini e Flauti: praticamente siete parenti!” (adesso arriva, anche io ci ho messo un po’ a capirla).
Il calendario delle partite è il seguente: Pesaro 1, Pesaro 2 Fano. Si gioca su due campi quindi senza possibilità di riposarsi fra un match e l’altro.
Partita n°1. Al fischio iniziale parte una serie di incursioni da entrambe le parti intermezzate da colossali tuffi nel fango il quale rende la corsa una specie di gara di pattinaggio. Man mano che passa il tempo i ragazzi prendono confidenza col fondo e sfoderano difese eroiche alternate a azioni corali che li portano al termine di una gara equilibrata e combattutissima ad uscire dal campo vincitori per 3-2 sul Pesaro 1.
Partita n°2. Gasati dalla partita precedente i granchi partono subito al massimo segnando nel primo tempo varie mete. Nel secondo tempo si assiste al riscatto del Pesaro che prova a rifarsi sotto con un paio di mete ben giocate, ma i nostri ragazzi non mollano e con una serie di azioni corali blindano il risultato.
Partita n°3. La stanchezza si fa sentire e l’inizio è un po’ incerto. Il fano mette a segno la prima meta ma i granchi rispondono subito e si riportano avanti. Al crepuscolo il risultato finale è 5-2 per il Falconara.
Fine delle partite, adesso inizia il match delle mamme contro le lavatrici.
In calce alcune considerazioni:
-tutte e tre le partite sono state equilibrate, giocate contro avversari coriacei e dunque belle da vedere;
-sempre ottima l’organizzazione degli amici di Fano che hanno anche servito un III tempo particolarmente apprezzato dai ragazzi;
-il gruppo sta crescendo e sta trovando una bella armonia ed è proprio il “collettivo” costituito dall’amalgama fra i senatori con le proprie individualità e i nuovi che non si tirano mai indietro di fronte “alla chiamata” a rendere possibili giocate spettacolari e piene di inventiva, di cui non credevamo in grado i nostri ragazzi. Merito va dato agli allenatori.
Bravi! Si ritorna in campo il 28 Gennaio al Cormorano.

18/12/2016

Domenica sul campo di Fermo la prima squadra non ha dimostrato il suo valore, il Mister Montesi si è rimangiato le belle parole della precedente competizione di Fabriano, abbiamo vinto grazie a Jack, il Capitano, che è stato determinante. Si comincia molto male quando arrivati a Marina Palmense ci accorgiamo di non avere la muta delle maglie, il morale è sceso sotto il livello del mare e l’autostima si è volatilizzata. Il sacrificio di Steven ci ha consentito di iniziare la partita almeno con i pantaloncini da gioco mentre la maglia è rimasta quella che molto gentilmente gli amici di Fermo ci hanno prestato, Rossa: forse per la prima volta abbiamo giocato senza la nostra maglia una partita di campionato!!!

Viste le premesse e l’inesperienza dei ragazzi giovani, si è visto un primo tempo con i Granchi sempre nella propria metà campo a difendere la meta e con un punteggio parziale di 3-0. Nel secondo tempo, dopo aver sgranchito le chele, il ribaltamento della situazione in campo ha rincuorato il gruppo consentendo la supremazia territoriale e le due mete segnate e trasformate da Jack: insomma, quando la testa c’è i risultati si vedono.

P.S. Quel disgraziato/delinquente/irresponsabile che ha dimenticato la muta da gioco al Cormorano, il giorno dopo è stato eletto Presidente del Club dal nuovo Consiglio Direttivo eletto in Assemblea dei Soci di Lunedì 12 Dicembre.

Manero

Serie C2 Girone 1

Rugby Fermo 6 (0 mete) - Rugby Falconara 14 (2 mete)

Formazione: 15 Davide Palpacelli, 14 Bramucci Lorenzo (Coppari Mattia), 13 Mastri Simone, 12 Kouassi Kouame, 11 Hajayed Ahamed (Ferretti Daniele), 10 Bianconi Giacomo, 9 Gambelli Elia (Lorenzo Lambertucci), 8 Re Emanuele, 7 Marziani Erik, 6 Simonetti Gabriele, 5 Brunelli Ivan, 4 Filipponi Francesco, 3 Fiocchi Roberto, 2 Fratoni Andrea (Petrelli Steven), 1 Filippetti Giacomo.

A disposizione: Ungureanu Ion.

Mete: (57' e 65') Bianconi.
Trasformazioni: (57' e 65') Bianconi.

18-12-2016

Ultima partita della nostra Under 16 per questo 2016 quasi al termine. Oggi in campo abbiamo visto una squadra a due facce: incisiva, ben organizzata ed efficace nel primo tempo, svogliata, poco concentrata nel secondo tempo... Cosa succede?? Forse è colpa dell'arrivo delle feste... della poca voglia di concentrarsi o di giocare? Non si sa... Certo è che ci piace e sicuramente piace ai ragazzi più il Falconara del primo tempo!!! Abbiamo vinto 38 a 22, contro un Fabriano coraggioso e caparbio nel voler imporsi. La prossima sarà la bella sfida con Jesi il 22 gennaio del 2017 in casa, vi aspettiamo.

Lea

Pagina 5 di 13
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Sponsor Etici

sponsor-etico-iom

sponsor etico tenda