Il nostro amico Marco Passini ci ha lasciato questa notte. Sostenitore del Rugby Falconara sin da quando la società ha mosso i primi passi, ha sempre aiutato il club mettendo il proprio cuore e la propria professionalità al servizio di questa comunità e spingendo assieme a noi nella mischia con tutta la passione di cui era capace, senza mai tirarsi indietro. Anche quest'anno, in occasione della cena sociale aveva diretto la cucina con la sua grandissima autorevolezza ed umiltà. Lascia un grande vuoto nella famiglia del Rugby Falconara e nel cuore dei molti che lo conoscevano.

24/04/2016

SONO SCESI IN CAMPO: Pierpaoli, Siddique, Chaabane, Bramucci, Coppari, Verde, Costa, Re, Pazzaglia, Calusio, Martarelli, Cherchez, Serafini, Podolschii, Fabbiani, Pergolini, Haj Ayed, Fabbiani, De Vito, Iannolo, Mastri, Mishaxhiu.

Allenatore: Ariel Pierpaoli.

Si è conclusa oggi la stagione sportiva 2015 - 2016 dell'Under 18 di Falconara ed è stata una conclusione esaltante nel punteggio e nella prova di squadra.
La stagione è stata lunga, impegnativa, con qualche rammarico e tante, tante soddisfazioni.

Concludono con questa partita la militanza nelle giovanili Zied Chaabane, Ahmed Hay Ayed, Lorenzo Serafini, Giacomo Verde, TUTTI in meta grazie alla Squadra, rendendo loro ulteriormente indimenticabile la partita.

Nel corso dell'anno hanno dimostrato il loro impegno Gabriele Antenucci, Lorenzo Bramucci, Luca Calusio, Constantin Cherchez, Nicholas Chiosi, Lorenzo Cingolani, Alan Costa, Francesco Alessandro De Vito, Micheal Del Monte, Nicholas Francella, Elia Gambelli, Riccaro Iannolo, Niko Martarelli, Simine Mastri, Kostandin Mishaxhiu, Kolon Nath, Francesco Pergolini, Mihail Podolschii, Emanuele Re, Matteo Serra, Michele Signoracci.

Un sentito ringraziamento a Pablo Pierpaoli, che ha seguito la squadra nonostante sia componente dell'Accademia di Prato.

Un particolare riconoscimento va all'impegno profuso da Prem Pazzaglia, che da Loreto ha partecipato ad allenamenti e partite, come anche a Pietro Canonici, Alessio Coppari, Marco Fabbiani, Abubakar Siddique che, aggregatisi da Senigallia, hanno fornito il loro fondamentale contributo in allenamento e nelle partite.

Mister Ariel Pierpaoli ha guidato la ciurma e l'ha condotta in porto con un accresciuto bagaglio tecnico ed umano. Tanti giocatori di questo gruppo sono stati anche protagonisti in Campionato con la squadra Seniores e sicuramente molti si aggiungeranno l'anno prossimo, nel prosieguo della crescita di atleti, che comunque hanno già ampiamente dimostrato il loro valore.

24/04/2016

Formazione: Pierpaoli, Coppari, Re, Mastri, Bramucci, Verde, Gambelli, Chaabane, Pazzaglia, Nath, Serafini, Calusio, Podolschii, Fabbiani, Cherchez.
A disposizione: De Vito, Iannolo, Canonici, Siddique, Mishaxhiu, Costa.

Allenatore: Ariel Pierpaoli.

Gli atleti falconaresi tornano oggi al Sena Park di Senigallia, per l'incontro casalingo con i pari età di Pesaro, e per l'occasione la squadra ha sfoggiato i colori del Sena Rugby.
I ragazzi falconaresi hanno sfoderato una gagliarda prestazione, che nel primo tempo gli ha permesso di essere a lungo in vantaggio, avendo risposto i granchi alla segnatura non trasformata di Pesaro, con una meta, su battuta veloce di Gambelli, trasformata da Pierpaoli. Pesaro torna avanti sul finire del tempo con una meta non trasformata.
Il secondo tempo vede i pesaresi predominanti andare in meta per due volte, non trasformate, seppur più volte respinti dalla difesa arcigna di Falconara, che comincia poi a riguadagnare campo e predominio, segnando una meta con Verde, partendo da una mischia ordinata rubata di potenza.
Finisce con questa partita la fase a gironi del Campionato.
Resta da giocare l'ultima partita, che poterà a conclusione una stagione in ogni caso ampiamente positiva.

17/04/2016

Un fine settimana da ricordare.

...se penso a Giovo che sabato sera dopo la cena con Vittorio e Gio’ s’è messo a lavare i pentoloni e che alla partita della Senior dopo la meta di Noce s’è messo a piangere... bè allora mi sento proprio bene in questo Club, ti vogliamo tutti un gran bene Giovo!!!!!

Il Sabato pomeriggio abbiamo conosciuto come la pensano un prete Educatore (Giovanni Varagona, ndr) e uno che di Rugby ne ha masticato tanto (Vittorio Munari, ndr), con il M-I-T-I-C-O TARCI (Tarcisio Pacetti, ndr) a fare da moderatore; il Centro Pergoli e l’ingresso sulla Piazza Mazzini si sono colorati di giallo e blu. Il Vittorio che afferma che per trasmettere valori bisogna farlo ogni giorno e in ogni momento della nostra vitae un Gio’ che dice che la nostra società ha invertito gli obiettivi con i mezzi perdendo di vista il bene comune; due considerazioni diverse sullo stesso tema del dibattito: il nostro Club è riuscito fino ad oggi ad incidere positivamente nel tessuto sociale del territorio? Possiamo fare meglio e cosa fare subito? In occasione del nostro 10° compleanno abbiamo voluto dare al Club e alla Cittadinanza occasione per pensare a questo aspetto del nostro fare sport e il dibattito è stato molto interessante e utile; l’Assemblea dei Soci del Falconara Rugby ha materiale su cui discutere da qui in avanti.
Vittorio poi ci ha fatto ridere tantissimo con i suoi racconti; in Crab House (Club House dei granchi) abbiamo cenato in compagnia sua, di Gio’, di Tarci e di tutti i Granchi che si sono prenotati per tempo... ma la notizia bomba è che questa volta la cena è stata pagata dal Club... mai successo!!!!
Raguse in porchetta, spaghetti con le seppie ripiene, sardoncini fritti e vino a stufo. E qui Vittorio ha dato il meglio di se e siamo stati benissimo... e Giovo s’è messo a lavare i pentoloni... ooohhhhhhh

La Domenica è cominciata con i nostri ragazzi della Under 14 che hanno giocato in casa con gli amici di Recanati e Fabriano vincendo con un punteggio molto alto e dimostrando ancora una volta il buonissimo lavoro fatto in questo Club da Antonio Rea che saluto e bacio tantissimo (sapete tutti che è infortunato, vero???). Pranzo in Crab House organizzato dalle Under 14 e Under 16 per autofinanziamento per il torneo in Francia che andranno a disputare tra pochi giorni. Un asado perfetto preparato dal nostro Tecnico Under 18 Ariel e organizzato a puntino dai Team Manager e Direttori Sportivi che hanno rimpinzato circa 60 stomaci affamati e assetati di rosso conero, poi tutti alla partita della PRIMA SQUADRA.

Io ho mangiato defilato rispetto agli altri, avevo un groppone allo stomaco, poco prima avevo pianto quando Marco aveva letto la formazione della Senior per la partita con Fano: “1 Pollo 2... 3... 15 Emanuele Re, un applauso a Emanuele per l’esordio in PRIMA SQUADRA!!!”. Un altro esordio di un ragazzo del nostro settore giovanile cresciuto sul prato del Cormorano dopo quelli di Giacomo, Zied, Ahmed, Lorenzo... brivido perché Emanuele è di un anno più piccolo e quindi... sono pronti o quasi anche gli altri... dai dai che forse lo sono veramente... e poi la mente mi è volata via sulle ali di un sogno...
Torno a terra e mi dico e dico al Club tutto: “se nei prossimi 4 anni sapremo dare qualità ad ogni nostra attività i risultati sportivi arriveranno da soli, come oggi”.

Si perché il risultato che la Prima Squadra ha raggiunto in partita con il Fano è stato grandissimo e frutto del sostegno di tutto il club: ha dimostrato che in questo sport conta più il collettivo che il fisico e la tecnica, bisogna essere umili per accettare di essere gli ultimi del girone e rimboccarsi le maniche per dimostrare il contrario, bisogna sentirsi a pieno titolo parte integrante del Club per non subire la tentazione di mollare tutto dimostrando con la tenacia e la forza di volontà la voglia di riscatto. Perdere tutte le partite disputate fino ad oggi (meno una) e trovare dentro di ognuno e nel gruppo le motivazioni per continuare a lottare è merito di tutti questi ragazzi che Mister Marco e Capitan Locciò stanno tenendo insieme come in un plasma.

...e quando poi vedi la gioia negli occhi dell’incredulo Noce dopo la meta, tutta la tensione si scioglie come neve al sole e mi dico che se si è seminato bene prima o poi si raccoglie. Noce non si fa vedere da mesi per problemi di lavoro, poi lo chiamiamo per darci una mano a fare numero alla partita di Faenza, Lui viene con solo 2 allenamenti, gioca un tempo, già è tanto che non si fa male... e oggi fa meta, la sua prima meta in carriera, quegli occhi a metà tra il pianto ed il sorriso non li dimenticherò. Usciamo dal campo con Lollo che batte il capo e perde conoscenza ma adesso è tutto ok, Fede che sta riempiendo di punti la raccolta della Coop (altri 5 che sommati ai 7 di prima fanno 12), 4 mete: di 2 di Boris, Noce, Locciò tutte realizzate da Jack.
Insomma perdiamo 31 a 28 ma 10 minuti prima abbiamo avuto l’occasione per vincerla: SONO GONFIO DI ORGOGLIO COME UN ZEPPELIN... mi abbraccio a Giovo.

Non mi resta che invitare tutte/i voi alla Festa del Compleanno del nostro Club che si svolgerà Domenica 15 Maggio al Campo del Cormorano: il “Pranzo da Palo a Palo”, un tavolo unico e lungo 100 metri, sarà l’occasione per incontrare tanti vecchi compagni di squadra e festeggiare le 10 candeline.

Buon rugby a tutte/i

19 Aprile 2016

Manero

9 Aprile 2016

Hi Guys, la prima edizione de "La disfida del brodetto" è ormai storia! Una storia da raccontare a colpi di sgombri, gamberi, cozze, ciavattoni, verdicchio, crocette… e delizia di una pomeriggio tra amici. Per alcuni pesce finto. Forse!!

La verità si era da poco palesata, e a sentir le caustiche affermazioni rilasciate dal team manager fanese durante il terzo tempo, sembrava difficile da digerire sulle sponde del Metauro. Ma si sa, gli Spinaci sono solo un contorno, vedremo poi quale sarà il piatto forte con il quale la compagine fanese saprà imbandire la tavola nella sfida di ritorno.

Sicuramente molto più semplice è stato per tutti metabolizzare il brodetto all’anconetana preparato dalla Granbrigata di cucina a tinte giallo-blu!! Un menu importante, reso ancor più gustoso dal vernacolo anconetano declamato con inimmaginabile maestria dal nostro flankerballcarrierfinedicitore per antonomasia!

Inimmaginabile è stata anche la conclusione della disfida sul campo da rugby. Inimmaginabile dai veementi rugbysti fanesi, che al primo affondo trovano la loro prima segnatura. Poi, per dirla alla Rino Tommasi, la old a strisce rosso-blu "è andata a rete come il soldato che esce dalla trincea senza l’elmetto". Non sto facendo troppa confusione, dai! Il 6-2 finale in favore dei Granchiavanti è stato frutto di un gran gioco di squadra, che ha saputo sovvertire gli inevitabili errori dei singoli nei sessanta minuto di gioco. Altra nota lieta è stata il ritorno in campo del "giocatore più forte della old falconarese", tornato prepotentemente a far rabbrividire metà del Sudamerica con le sue giocate, dopo aver posato per qualche ora la racchetta. Forse!!

E’ arrivato il momento di spogliarsi di questi toni vagamente guasconi, e di dare appuntamento a tutti quelli che c’erano, e che ci saranno, alla prossima disfida, ricordando che, in fondo in fondo, noi che pratichiamo ed amiamo questo sport siamo "tutt’un pisc e un brod!"
Stay tuned!!

Il Granchronista Matteo

 

A tutti Voi che avete avuto ancora una volta la pazienza di arrivare sino in fondo a queste mie personalissime digressioni, voglio lasciare la poesia in vernacolo anconetano recitata da Giorgio, e che ben racconta il nostro “essere anconetani”.

Come se fa le crucete in porcheta ...

Se sbeca, sarìa a di' se leva vìa,
i bechi e el cuderizo, po' se pìa
l'aqua salata e lava che te lava
fino a che c'è la bava.

Po' ce vole 'na pigna; ce se mete
oio, fenochio forte, do' brancete
d'usemarì, do' spichi d'aio, sale,
i dài (che n'j fa male)

de pépe a stufo e apena rusulato,
buti gió le crucete ch'hai spurgato.
Per fai pià l'onto j dai do' o tre sbalzate
e, quando ch'ène bèle che rivate,

daqui c'un po' de vi' de la chiaveta.
Dài qualch'altra scosseta,
gióntece la conzerva ch'hai squaiato
e, quando che 'l ciciolo s'è stacato

dala scorza, leva la pigna e svòta
che la cruceta è cota.


... e come se magna ...

Se pine 'n tra do' deti com'un fiore;
le bagi come fosse el primo amore;
prima in tel cuderizo un bagio seco,
pò volti e bagi in do' che c'era el beco.

Ciuci e riciuci, lichi scorze e deti;
è un ino de chiopeti e de fischieti
e te viènene su qùi ciciolini
che udorene de mare e de giardini.

Ricòrdete ma prò che la cruceta
da per lia sola è misera, pureta,
è com'un quadro pieno de vernige,
un quadro bèlo senza la cornige.

E alora, perché el gode sia completo,
ce vòle, digo vòle, un bichiereto
de vi' ogni sete cici, in abundanza,
de modo che ce sguazi in te la panza.

Io guardo 'sta cruceta sbruzulosa
cun 'st'anima gentile; cià qualcosa
del caratere nostro anconità;
rozo de fòra, duro, un po' vilà

ma drento bono, un zuchero, 'n'amore ...
ché nun conta la scorza, conta el còre.

Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "'Na chiachiarata cun nona bon'anima"

10/04/2016

Faenza Rugby vs Rugby Falconara 50-14. Mete di Astolfi e Brunelli.

10/04/2016

U16 Fano vs Falconara 24-48

Bella giornata! I nostri giovani hanno vinto contro i pari età del Fano. La partita è stata sempre sotto il nostro controllo a parte gli ultimi minuti del primo tempo e le fasi iniziali del secondo. Rimasti in inferiorità numerica per un espulsione temporanea di Andrea Junior Meme abbiamo concesso qualcosa in più all'avversario.
Tutti i ragazzi non si sono risparmiati e hanno dato il massimo come richiesto dal coach. Ci sono rimaste due partite con il Pesaro e l' Ancona poi si va tutti in Francia! Ora il 100% non basta più!
Concentrazione e allenamento potranno fare la differenza. Triplo hip hip urrà per Nicola Lazzari alla sua prima meta. Bravi.

10/04/2016

Formazione: Pierpaoli, Siddique, Serra, Chaabane, Bramucci , Verde, Costa, Re, Pazzaglia, Martarelli, Cherchez , Serafini, Podolschii, Fabbiani, Pergolin.
A disposizione: De Vito, Iannolo, Nath, Canonici, Gambelli, Mastri, Mishaxhiu.

Allenatore: Ariel Pierpaoli.

Oggi al Sena Park di Senigallia primo dei due impegni di campionato Under 18, previsti per gli atleti di Falconara, che hanno incontrato fuori casa la compagine di Fano con cui rivaleggia per il terzo posto in classifica. La partita, come previsto, è stata equilibrata, combattuta, giocata con grande correttezza dalle due compagini. Il risultato finale di 31 a 26 conferma quanto i ragazzi si siano impegnati fino alla fine, con due marcature di Pierpaoli e due di Nath, portando a casa il bonus difensivo e delle quattro mete segnate.
Domenica 24 si torna giocare al Sena Park, questa volta in casa contro la compagine di Pesaro.

20/03/2016

Quella trascorsa è stata un’altra domenica di sofferenza per la Prima Squadra sul rettangolo verde di Castel San Pietro Terme (BO).

La fortuna ha sorriso agli avversari facendo scegliere loro il campo con il vento forte ed il sole alto entrambi a favore rendendo vani i nostri calci di liberazione; nonostante questa ulteriore difficoltà i ragazzi hanno cominciato la partita con la giusta mentalità dimostrando che quando le teste e le gambe girano bene possiamo dire la nostra a tutti.

Poi la stanchezza che sale e l’entusiasmo che scende, unitamente alla fragilità emotiva dell’intero gruppo, hanno messo la ciliegina amara su una torta venuta male e per la seconda partita di seguito usciamo dal campo pesantemente sconfitti e senza segnare punti sul tabellino: Castel San Pietro 46 – Rugby Falconara 0.

Tutti noi conosciamo i risultati negativi della Prima Squadra dell’ultimo periodo e ricordiamo il campionato di C2 vinto solo 3 stagioni sportive or sono; probabilmente lo stridente contrasto di emozioni che abbiamo e stiamo provando ci limita nell’esternare il sostegno a questo gruppo, ne sono certo. Avete guardato gli occhi dei ragazzi quando escono dal campo dopo l’ennesima sconfitta? Io mi sono sentito male per loro immaginando lo scoramento e la delusione che possono provare e la relativa tristezza che ne deriva; forse il rispetto del dolore e dello sconforto dei giocatori mi impedisce di dimostrarmi vicino in qualche modo a loro? Solo questa è per me la motivazione plausibile per giustificare l’assenza di molte Granchie e Granchi a fianco della squadra che oggi ha più bisogno di sostegno di tutte le altre del Club.

L’esperienza che il Club sta vivendo con la 1° Squadra ci serva da insegnamento: il Rugby è uno sport CRUDO, come ha detto Vittorio Munari al termine dell’ultima partita della Nazionale Italiana di Rugby con il Galles, perché vince sempre il più forte che, per onorare l’avversario, non fa melina e non regala il punto della bandiera ma spinge e lotta fino alla fine.

Per ringraziare gli atleti della 1° Squadra per quanto stanno facendo al club, chiedo a tutte le Granchie e a tutti i Granchi di far sentire loro il sostegno, dimostrando che stiamo soffrendo per loro e con loro: facciamoci vedere a bordo campo la domenica, offriamo loro una birra in CH, una pacca sulle spalle per dire “forza e coraggio” durante la settimana, diamo disponibilità a collaborare con il gruppo Senior e ad animarlo con nuovi amici e nuove amiche, la prossima trasferta riempiamo un pullman di supporters e di tanta voglia di stare insieme a loro.

E’ certo che il percorso per riportare questo gruppo al vertice del movimento regionale sarà lungo e in salita ma, siccome vincere la promozione in Serie B con atleti formati nel nostro settore giovanile è il grande sogno sempre più condiviso nel Club, sono sicuro che l’intero collettivo del Rugby Falconara Dinamis ASD saprà aspettare pazientemente, osservando e sostenendo i progressi dei ragazzi dei gruppi giovanili che già da oggi promettono grandi soddisfazioni.

Formazione: Ivan che in terza linea si è battuto con tutte le sue forze, Pollo e Cane che hanno resistito in campo tutta la partita, Ivo che con il ginocchio al 50% ha fatto il massimo che poteva, il Palpa che da libero ha fatto un solo avanti sulla ricezione dei calci alti, Fede che digli tutto ma non di mancare ad una partita perché sennò ci sta male, Lollo che è peggio di Fede, Erik fuori ruolo che s’è messo il caschetto e non ha fatto storie, Jack che ha provato a inventarsi qualcosa perché s’è proprio rotto di perdere, Locciò che le sue sgroppate a rompere il placcaggio sono già nella storia del Club, Steve che è meglio dell’acciaio Aisi 316... inossidabile, Danielì che ha mantenuto la promessa ed è tornato in campo, Simo che gli si vede distante un chilometro se ha vinto o ha perso nonostante sia molto silenzioso, Michelì che ha rotto tante uova nel paniere della touche avversaria, Mattia che ha giocato con un dito della mano rotto, Boris che se prende coscienza delle sue potenzialità non lo ferma più nessuno, Ale Marcò che ha tanto rugby da imparare quanto tanta umiltà da insegnare... dimostrando tutti uno spirito di sacrificio e senso di appartenenza al Club non comuni.

Manero

20/03/2016

Formazione: Re, Mishaxhiu, Coppari, Chaabane, Bramucci, Gambelli, Costa, Calusio, Martarelli, Canonici, Serafini , Iannolo, Nath, Pergolini, Pazzaglia.

A disposizione: Mastri, Cherchez, Siddique, Serra, De Vito

Allenatore Ariel Pierpaoli.


Combattutissimo incontro oggi al Cormorano fra i Granchi di Falconara e i pari età sambenedettesi.
 San Benedetto inizia la partita con un gran ritmo, che mette in difficoltà i falconaresi, la cui determinazione porta a guadagnare spazio, gioco e due mete di Costa e Pazzaglia, trasformate da Calusio, cui risponde San Benedetto con una meta non trasformata verso lo scadere del tempo. 
Alla ripresa del gioco San Benedetto di nuovo in meta, non trasformata, cui replica Falconara con una veloce marcatura in ripartenza di Siddaque, trasformata anche questa da Calusio. 
Il caldo primaverile comincia a farsi sentire sulle gambe delle due compagini, che comunque si fronteggiano con impeto fino alla conclusione della partita.

Pagina 8 di 13
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Sponsor Etici

sponsor-etico-iom

sponsor etico tenda